MUSEI MAZZUCCHELLI

Musei Mazzucchelli - Casa Museo

La Casa Museo, intitolata al noto letterato del Settecento, è visitabile attraverso un percorso lungo il quale si possono ammirare arredi e oggetti d'epoca nell'originaria collocazione e affreschi di Francesco Savani che conducono con narrazioni pittoriche nel mondo della cultura settecentesca. La Fondazione Giacomini Meo Fiorot ha sede nella bellissima ala occidentale di Villa Mazzucchelli, tra le più orientali della Provincia di Brescia e quindi prossima al Veneto, al cui ambito culturale in senso ampio partecipa. La Villa è situata a Ciliverghe di Mazzano in una posizione strategica tra Brescia e il Lago di Garda ed è dichiarata monumento nazionale. L’edificio è prudenzialmente da collocarsi nell’ampia sfera palladiana, e del resto, sembra proporsi quale prodotto intermedio fra le due aree culturali, quella lombarda e quella veneta.

Villa Mazzucchelli si rivela infatti lombarda nell’impostazione complessiva, nell’usuale schema ad U, mentre lo scenografico pronao, unico in tutto il territorio lombardo, è di evidente stampo palladiano, ed è stato realizzato con l’impiego di sei colonne provenienti dall’antica chiesa di San Pietro de Dom (demolita per far posto al Duomo nuovo di Brescia).
La costruzione e la decorazione della Villa sono legate alla figura di Federico Mazzucchelli (Brescia, 1671- 1746) e del figlio Giammaria (Brescia, 1707-1765), noto letterato del ‘700: nel 1722 Federico Mazzucchelli rilevò la cinquecentesca casa padronale dei nobili Maggi, aggiungendo poi al complesso esistente il corpo centrale e l’ala occidentale; il figlio Giammaria condusse a termine i lavori nel 1753, com’è ricordato nella lapide posta tra l’architrave e il timpano della porta centrale nel pronao.

Museo della Moda e del Costume

La collezione del Museo della Moda e del Costume, che ha origine nelle ricerche e nei viaggi di Franca Meo, è costituita da circa 6.000 pezzi, comprensivi di abiti, accessori, cappellini, fazzoletti, ombrellini, ventagli, guanti, monili, biancheria intima e da casa, paramenti sacri, strumenti di lavoro, abbigliamento infantile e giocattoli, cronologicamente databili dalla metà del Settecento fino alla nascita dell’Alta moda nel Novecento. Un nucleo di abiti etnici del XIX e XX secolo arricchisce il fondo del museo.

Tra i materiali che compongono le ricche raccolte vi sono inoltre: foto storiche, stampe antiche, cartoline e figurini dell’Otto e Novecento, che costituiscono una sezione specifica di documenti iconografici sull’evoluzione del gusto vestimentario in età moderna.

Dal 1995, anno di inaugurazione del Museo della Donna e del Bambino, ad oggi il patrimonio storico artistico del rinnovato Museo della Moda e del Costume, si è arricchito di numerose e importanti donazioni private. I Musei Mazzucchelli si avvalgono poi di importanti collaborazioni con collezionisti privati per l’utilizzo di abiti d’epoca dedicati all’allestimento dei propri spazi espositivi durante alcuni degli eventi speciali museali.

Museo del Vino e del Cavatappi

ospitato negli ambienti della barchessa occidentale della villa, si estende su tre piani, di cui uno interrato, che corrispondono ad altrettanti settori.

Locale Interrato - Coltura della vite e vinificazione

Nel locale interrato, dedicato alla Coltura della vite e vinificazione, sono riuniti alcuni strumenti specifici del vignaiolo: falcetti, pigiatrici, torchi e uno straordinario carro piemontese per il trasporto dell'uva.

Piano terra - Elaborazione e imbottigliamento del vino

La sezione al piano terra, che si apre con un prezioso torchio del XVII secolo, è dedicata all'Elaborazione e imbottigliamento del vino e ospita attrezzi per il prelievo di campioni, insieme a densimetri e termometri con cui si valutava il decorso e la regolarità della fermentazione, soffietti e pompe per il travaso del vino nelle botti e filtri per l'illimpidimento dei vini. La collezione comprende tutta una serie di strumenti per l'analisi della qualità del prodotto come vinometri, bagnomaria, ebulliometri e distillatori, tra i quali ricordiamo un distillatore in rame del XVIII secolo con cui si otteneva il brandy.

Primo piano - Cavatappi e tappatrici d'epoca

Al primo piano, nella sezione dedicata ai Cavatappi e tappatrici d'epoca, ci addentriamo in una delle più eclettiche e vaste collezioni mondiali di cavatappi antichi e moderni. La varietà è davvero sorprendente, di ogni provenienza e forma da quelli inglesi, sofisticati, a quelli di origine francese per continuare con gli italiani e i tedeschi.

I Musei Mazzucchelli rappresentano una struttura unica nel suo genere non solo a Brescia ma probabilmente in tutto il territorio nazionale.
Le suggestive gallerie dei Musei Mazzucchelli vengono oggi ampliate e vanno ad aggiungersi ad alcune sale del piano nobile della Villa dove gli arredi originali contribuiscono a creare uno scenario unico a disposizione di un pubblico selezionato, interessato ad eventi culturali esclusivi e raffinati. Sono luoghi ideali per accogliere meeting, convegni, incontri socio-culturali ed enogastronomici conservando un’atmosfera culturale, raffinata ed accogliente.

La vicinanza alle sale espositive dei Musei e alle mostre temporanee consente, tra l’altro, di abbinare ai momenti conviviali visite esclusive, anche in orario di chiusura, permettendo a un ristretto numero di visitatori di vivere in modo unico il luogo museo. Questa è un’occasione molto apprezzata da tutti i nostri ospiti che permette di fondere in una cornice di assoluto prestigio arte, cultura, convivialità e professionalità.

Per informazioni e prenotazioni:
T. +39 030 212421 - F. +39 030 2120603
promozione@museimazzucchelli.it
segreteria@museimazzucchelli.it